Blog

Saluto dell’Ambasciatore Marras

Eccellenza,
nell’imminenza della Sua partenza a fine mandato, vorrei farLe pervenire, a titolo personale quanto a nome dell’Associazione e della Rete, i nostri più sinceri saluti, nonchè sentiti ringraziamenti per l’opera svolta in questi anni nell’ambito della diffusione della cultura italiana e dell’interscambio culturale tra i due Paesi.
Ci auguriamo che di questi anni trascorsi in Grecia conserverà un piacevole ricordo, pari a quello nostro nei confronti della Sua pre­senza anche fisica e del Suo ininterrotto appoggio e incoraggiamento.
Siamo certi che l’iniziativa Tempo Forte da Lei proposta proseguirà a svolgere una funzione trainante e coesiva delle attività culturali in Grecia ed a sostenere tutti coloro che sono impegnati a promuoverle con dedizione personale.
Le auguriamo di cuore un buon rientro in Italia e buon proseguimento delle Sue attività diplomatiche.
Cordialmente.

IL SEGRETARIO GENERALE AIAL
dr enzo bonanno
COORDINATORE DELLA RETE DI COOPERAZIONE CULTURALE
www.aial.gr

—————————-

Le giunga, Eccellenza, il nostro personale ringraziamento ed il sincero augurio per un futuro costellato di soddisfazioni e nuove belle esperienze.
il CdA dell’Ass. Il Faro

Pubblicato anche in Collaborazioni, Novità. Etichette: , . Commenti chiusi

Pubblicazione FAQ sul sito dell’Ambasciata

Grecia e Coronavirus. Pubblicazione FAQ sul sito dell’Ambasciata

Gentili Consoli Onorari, Enti, Associazione, Care amiche e Cari amici,

sperando di fare cosa gradita, vi segnalo che abbiamo pubblicato sul sito dell’Ambasciata una lista di FAQs (domande frequenti) sulla Grecia e sul Coronavirus, divise in due grandi macrosezioni (Arrivare in Grecia e Rientrare in Italia).

Dovrebbero contenere le risposte alla gran parte delle domande che i connazionali e gli utenti ci rivolgono in queste settimane. Si tratta ovviamenete di un lavoro in divenire che aggiorneremo via via che vi siano novità di rilievo.

Vi saremmo grati se poteste darne ampia diffusione tramite i vostri canali.

Le FAQs costituiscono, in particolare per la rete Onoraria, uno strumento per risolvere velocemente i dubbi dei connazionali che doves­sero contattarvi. Riporto di seguito la risposta standard che stiamo inviando alle centinaia di utenti che ci stanno contattando in queste ore.

Egregio/a Signor/a XXYY,

nel ringraziarLa per averci contattati, Le segnaliamo che potrà trovare la risposta ai suoi quesiti nelle FAQ (domande frequenti) sulla Grecia e sul Coronavirus pubblicate sul sito dell’Ambasciata, a questo link.

Distinti saluti

Ambasciata d’Italia ad Atene
Cancelleria Consolare
Tel.: 0030.210.9538180/190

Nel ringraziare tutti sin d’ora, vi auguro un buon fine settimana,
Alessandro

Ales­sandro Tutino
Primo Segretario

Ambasciata d’Italia ad Atene
Odos Sekeri, 2 – Atene
https://ambatene.esteri.it

T +30 2103617260

Pubblicato anche in Collaborazioni, Novità. Etichette: . Commenti chiusi

Strategie di manipolazione

- Controllo mentale

Noam Chomsky ha elaborato la lista delle 10 strategie della manipolazione attraverso i mass media.
Tratto da www.vocidallastrada.com

1-La strategia della distrazione
L’elemento primordiale del controllo sociale è la strategia della distrazione che consiste nel deviare l’attenzione del pubblico dai problemi importanti e dei cambiamenti decisi dalle élites politiche ed economiche, attraverso la tecnica del diluvio o inondazioni di continue distrazioni e di informazioni insignificanti.
La strategia della distrazione è anche indispensabile per impedire al pubblico d’interessarsi alle conoscenze essenziali, nell’area della scienza, l’economia, la psicologia, la neurobiologia e la cibernetica. Mantenere l’Attenzione del pubblico deviata dai veri problemi sociali, imprigionata da temi senza vera importanza.
Mantenere il pubblico occupato, occupato, occupato, senza nes­sun tempo per pensare, di ritorno alla fattoria come gli altri animali (citato nel testo “Armi silenziose per guerre tranquille”).

2- Creare problemi e poi offrire le soluzioni.
Questo metodo è anche chiamato “problema- reazione- soluzione”. Si crea un problema, una “situazione” pre­vista per causare una certa reazione da parte del pubblico, con lo scopo che sia questo il mandante delle misure che si desiderano far accettare. Ad esempio: lasciare che si dilaghi o si intensifichi la violenza urbana, o organizzare attentati sanguinosi, con lo scopo che il pubblico sia chi richiede le leggi sulla sicurezza e le politiche a discapito della libertà. O anche: creare una crisi economica per far accettare come un male neces­sario la retroces­sione dei diritti sociali e lo smantellamento dei servizi pubblici.

3- La strategia della gradualità.
Per far accettare una misura inaccettabile, basta applicarla gradualmente, a contagocce, per anni consecutivi. E’ in questo modo che condizioni socioeconomiche radicalmente nuove (neoliberismo) furono imposte durante i decenni degli anni ‘80 e ‘90: Stato minimo, privatizzazioni, pre­carietà, fles­sibilità, disoccupazione in massa, salari che non garantivano più redditi dignitosi, tanti cambiamenti che avrebbero provocato una rivoluzione se fos­sero state applicate in una sola volta.

4- La strategia del differire.
Un altro modo per far accettare una decisione impopolare è quella di pre­sentarla come “dolorosa e neces­saria”, ottenendo l’accettazione pubblica, nel momento, per un’applicazione futura. E’ più facile accettare un sacrificio futuro che un sacrificio immediato. Prima, perché lo sforzo non è quello impiegato immediatamente. Secondo, perché il pubblico, la massa, ha sempre la tendenza a sperare ingenuamente che “tutto andrà meglio domani” e che il sacrificio richiesto potrebbe essere evitato. Questo dà più tempo al pubblico per abituarsi all’idea del cambiamento e di accettarlo ras­segnato quando arriva il momento.

5- Rivolgersi al pubblico come ai bambini.
La maggior parte della pubblicità diretta al gran pubblico, usa discorsi, argomenti, personaggi e una intonazione particolarmente infantile, molte volte vicino alla debolezza, come se lo spettatore fosse una creatura di pochi anni o un deficiente mentale. Quando più si cerca di ingannare lo spettatore più si tende ad usare un tono infantile. Perché? “Se qualcuno si rivolge ad una persona come se avesse 12 anni o meno, allora, in base alla suggestionabilità, lei tenderà, con certa probabilità, ad una risposta o reazione anche sprovvista di senso critico come quella di una persona di 12 anni o meno” (vedere “Armi silenziosi per guerre tranquille”).

6- Usare l’aspetto emotivo molto più della rifles­sione.
Sfruttate l’emozione è una tecnica clas­sica per provocare un corto circuito su un’analisi razionale e, infine, il senso critico dell’individuo. Inoltre, l’uso del registro emotivo permette aprire la porta d’accesso all’inconscio per impiantare o iniettare idee, desideri, paure e timori, compulsioni, o indurre comportamenti.

7- Mantenere il pubblico nell’ignoranza e nella mediocrità.
Far si che il pubblico sia incapace di comprendere le tecnologie ed i metodi usati per il suo controllo e la sua schiavitù.
“La qualità dell’educazione data alle classi sociali inferiori deve essere la più povera e mediocre pos­sibile, in modo che la distanza dell’ignoranza che pianifica tra le classi inferiori e le classi superiori sia e rimanga impos­sibile da colmare dalle classi inferiori”.

8- Stimolare il pubblico ad essere compiacente con la mediocrità.
Spingere il pubblico a ritenere che è di moda essere stupidi, volgari e ignoranti …

9- Rafforzare l’auto-colpevolezza.

Far credere all’individuo che è soltanto lui il colpevole della sua disgrazia, per causa della sua insufficiente intelligenza, delle sue capacità o dei suoi sforzi. Così, invece di ribellarsi contro il sistema economico, l’individuo si auto svaluta e s’incolpa, cosa che crea a sua volta uno stato depres­sivo, uno dei cui effetti è l’inibizione della sua azione. E senza azione non c’è rivoluzione!

10- Conoscere gli individui meglio di quanto loro stessi si conoscono.
Negli ultimi 50 anni, i rapidi progressi della scienza hanno generato un divario crescente tra le conoscenze del pubblico e quelle pos­sedute e utilizzate dalle élites dominanti. Grazie alla bio­logia, la neurobiologia, e la psicologia applicata, il “sistema” ha goduto di una conoscenza avanzata dell’essere umano, sia nella sua forma fisica che psichica. Il sistema è riuscito a conoscere meglio l’individuo comune di quanto egli stesso si conosca. Questo significa che, nella maggior parte dei casi, il sistema esercita un controllo maggiore ed un gran potere sugli individui, maggiore di quello che lo stesso individuo esercita su sé stesso.

Fonte: http://www.visionesalternativas.com.

Commenti chiusi

Il toccante discorso di Bosso al Parlamento Ue

Il toccante discorso di Bosso al Parlamento Ue: “Europa come un’orchestra, musica non ha confini”

Pubblicato anche in Novità. Etichette: . Commenti chiusi

Volo speciale Atene Roma (19 maggio)

Volo speciale Atene Roma (19 maggio)

Gentili tutti/e,

martedì 19 maggio ci sarà un volo speciale per i connazionali che hanno titolo per rientrare in Italia in base alle motivazioni pre­viste dal DPCM 26 aprile 2020 (comprovate esigenze lavorative, salute, urgente stato di necessita’).

Tutte le informazioni sono sul sito dell’Ambasciata
https://ambatene.esteri.it/ambasciata_atene/it/ambasciata/news/dall-ambasciata/2020/05/volo-speciale-aegean-atene-roma.html.

Stiamo gia’ ricontattando i connazionali di cui abbiamo i riferimenti, ma vi sarei grato se poteste diffondere il comunicato.

Buona giornata,
Alessandro

Ales­sandro Tutino
Primo Segretario

Ambasciata d’Italia ad Atene
Odos Sekeri, 2 – Atene

https://ambatene.esteri.it

T +30 2103617260

Pubblicato anche in Collaborazioni, Novità. Etichette: . Commenti chiusi

Dichiarazioni di uno scienzato…

Sconcertanti dichiarazioni di uno scienzato all’inizio del terzo millenio:
Salvatore Rainò

Pubblicato anche in Novità. Etichette: . Commenti chiusi

UN MANICOMIO !…

UN MANICOMIO! …E NON SAPPIAMO SE NE USCIREMO – Ales­sandro Meluzzi

Pubblicato anche in Novità. Etichette: . Commenti chiusi

Intervista con Costas Varotsos

Covid-19 in Grecia. Video-intervista con Costas Varotsos


Costas Varotsos è uno scultore e intellettuale greco, conosciuto nel mondo artistico internazionale per le sue sculture in vetro, acciaio e pietra. Varotsos ha studiato in Italia, a Roma, dove ha frequentato l’Accademia di Belle Arti, e a Pescara, dove s’è laureato in architettura. Insegna all’Università Aristotele di Salonicco e in questi mesi di confinamento è nell’isola di Egina, nel golfo Saronico, dove in una casa all’apice di una collina domina il mare e la luce della Grecia.

Il suo laboratorio fa parte della sua dimora: molte sue sculture di grandi dimensioni sono a New York, Roma, Torino, Chicago, Anversa, Baltimora, Palm Beach, Washington DC, Madrid, e sua è la statua del “Corridore” (alta otto metri, in ferro e vetro), che accoglie i turisti ad Atene in piazza Omoia all’ingresso dei grandi viali cittadini: Varotsos è l’autore della scultura l’“Approdo”, opera dedicata all’umanità migrante, creata nel 2012 a Otranto in ricordo della nave albanese Kater i Rades affondata nel 1997 dopo la collisione con la nave della Marina militare italiana Sibilla.
BARBARA MARENGO 22 Aprile 2020

cliccare… VIDEO

Pubblicato anche in Novità. Etichette: , . Commenti chiusi

Intervista al dottor Shiva Ayyadurai

PTV Speciale: Anteprima europea dell’intervista al dottor Shiva Ayyadurai

Pubblicato anche in Novità. Etichette: . Commenti chiusi

IL COVID-19 SCOMPARIRÀ…

IL COVID-19 SCOMPARIRÀ DA SOLO A BREVE!
Luc Montagnier – pre­mio Nobel e scopritore dell’HIV

Pubblicato anche in Novità. Etichette: . Commenti chiusi

Intervista a Francesco Benozzo

Pandemia dichiarata, soggiogamento delle popolazioni, soppres­sione della libertà di parola


Francesco Benozzo, il poeta-filologo-musicista candidato dal 2015 al Pre­mio Nobel per la Letteratura, autore di diverse centinaia di pubblicazioni, direttore di tre riviste scientifiche internazionali, membro del comitato scientifico di gruppi di ricerca internazionali (tra i quali il “Centro Studi di Medical Humanities” (CMH), il workgroup “We Tell / Storytelling e impegno civico in epoca post-digitale”, e “IDA: Immagini e Deformazioni dell’Altro”), coordinatore del Dottorato di ricerca in Studi letterari e culturali all’Università di Bologna, ha espresso in questi giorni pubblicamente considerazioni non allineate a quelle correnti a proposito dell’emergenza pandemica in atto. In questa intervista spiega il suo punto di vista sulla questione.

Intervista a Francesco Benozzo

Come vive, in quanto intellettuale, la situazione pre­sente? Sta lavorando a qualche progetto in questo isolamento?
Sono come tutti i cittadini agli arresti domiciliari, arresti attuati senza dibattimento parlamentare, in un chiaro momento di soppres­sione della democrazia, e pre­sidiati dalle forze dell’ordine e dai militari.
Come vivo questo isolamento? … continua la lettura

Pubblicato anche in Novità. Etichette: . Commenti chiusi

Urgente: VOLI SPECIALI AEGEAN

Voli speciali Aegean Atene-Milano
e Atene-Roma

A seguito della sospensione dei collegamenti aerei e navali diretti tra Grecia e Italia, per rispondere all’urgente esigenza di molti cittadini italiani temporaneamente in Grecia, l’Ambasciata d’Italia ad Atene, in coordinamento con l’Unità di Crisi della Farnesina e le Autorità greche, rende noto che la società Aegean ha attivato due voli speciali Aegean per le tratte Atene – Roma e Atene – Milano per facilitare il rientro dei connazionali che ne abbiano urgente neces­sità, comprovate esigenze lavorative o motivi di salute:

Martedì 14 aprile. Atene-Roma Fiumicino, partenza alle 12.10 del mattino;
Giovedì 16 aprile. Atene-Milano Malpensa, partenza alle 11.30 del mattino.

I connazionali o i residenti in Italia interes­sati a potersi avvalere di uno dei due voli dovranno….continua a leggere

Pubblicato anche in Collaborazioni, Novità. Etichette: . Commenti chiusi

Messaggio dell’Ambasciatore Luigi Marras

Dear Madams, Dear Sirs, Dear Friends,

We hope this e-mail finds you well, despite the ongoing situation.
We have the honour to reach You out to forward to your kind attention a letter from Ambas­sador Marras (in Greek and in Italian) concerning the Covid-19 crisis and the Tempo Forte Initiative (further information on Tempo Forte available in Italian and in Greek).
Please find the letter below and/or on our website (Greek version, Italian version).
We take this opportunity to invite You to continue reflecting on pos­sible cultural initiatives, ideas and projects that, in the spirit of the Tempo Forte initiative and in the wake of the letter from Ambas­sador Marras, will allow us to offer to the public useful and interesting proposals also in next months, despite the current difficult conditions.
The proposals aimed at enhancing video and internet platforms, as well as publishing initiatives (digital or not), (online) movies’ shows and any other creative solution capable of seizing the opportunities of this period in order to relaunch our Tempo Forte and all of us towards better times will be privileged.
You may reach us writing to alessandro.tutino@esteri.it and giorgio.cristoforidi@esteri.it
Best regards and take care,

Ales­sandro Tutino
Primo Segretario
Ambasciata d’Italia ad Atene
Odos Sekeri, 2 – Atene
https://ambatene.esteri.it
T +30 2103617260

<><><><><>
Mes­saggio dell’Ambasciatore Marras

Cari amici italiani e greci,

l’Ambasciata, con tutti i suoi Uffici, la Cancelleria Consolare per prima e l’Istituto Italiano di Cultura, è oggi più pre­sente che mai, consapevole del proprio ruolo e delle proprie responsabilità. Lavoriamo online da casa e con turni di pre­senza in Ufficio ridottis­simi in ottemperanza alle indicazioni greche e italiane, che ESORTO TUTTI A RISPETTARE CON IL MASSIMO SCRUPOLO.

Terminate le operazioni per il rientro in Italia dei nostri connazionali rimasti bloccati nel Paese e al corrente dei vari casi individuali in corso, desidero ringraziare per il loro encomiabile comportamento tutti i miei collaboratori e i componenti di tutte le realtà istituzionali italiane in Grecia – la rete Consolare onoraria, la Scuola Statale, il Coasit, la Scuola archeologica, il Comites, la Dante Alighieri, le nostre Parrocchie, le nostre Camere di Commercio – che in vario modo si stanno prodigando.

L’Ambasciata e la Cancelleria Consolare sono a disposizione di tutti coloro che hanno bisogno per reali situazioni di neces­sità e urgenza, tramite i numeri che compa­iono sul nostro sito.

Seguiamo con apprensione vivis­sima ciò che accade in Italia e nel Mondo e con altrettanta sentita intensità siamo vicini, nella sua lotta, alla Grecia e al suo Popolo, che ringraziamo per la calorosa vicinanza a noi.

Ormai più di due anni orsono lanciammo l’Iniziativa Tempo Forte. Nacque, e vive tuttora a maggior ragione, come iniziativa culturale, ma in realtà e’ una iniziativa “politica”, di riscoperta dei nostri caratteri genuini, di riscatto nelle avversità, di rivendicazione dei nostri valori più profondi, delle nostre identità più intime, della pre­valenza della ragione e della volontà sullo smarrimento, per lottare e difenderci risoluti e continuare a costruire con intelligenza, fantasia e determinazione. Un invito questo, insomma, a tutti i componenti della rete Tempo Forte e a coloro che ad essa voles­sero aggiungersi – in Grecia e in Italia – a serrare le fila, riprendere i contatti fra noi e agire per l’oggi e per il futuro.

Un saluto cordiale a ognuno,

Luigi Marras

Pubblicato anche in Collaborazioni, Novità. Etichette: . Commenti chiusi

Il rimedio è la povertà

Questo articolo apparve il 30 giugno 1974, ed è straordinario. Una meraviglia di stile e di pensiero di Goffredo Parise.

Troviamo utile pubblicare di tanto in tanto dei gio­ielli del pensiero. Questo è un articolo di Goffredo Parise tratto dalla rubrica che lo scrittore tenne sul “Corriere della sera” dal 1974 al 1975. Si trova nell’antologia “Dobbiamo disobbedire”, a cura di Silvio Perrella, edita da Adelphi. Questo articolo apparve il 30 giugno 1974, ed è straordinario. Una meraviglia di stile e di pensiero di questo autore sicuramente libero e lontano da ogni appartenenza politica e salottiera. Rappresenta per noi oggi – media compresi che non ospitano più pezzi così contro­corrente – uno schiaffo contro la nostra inerzia.

Pubblicato anche in Novità. Etichette: . Commenti chiusi

5G APOCALYPSE

Documentario completo sui rischi del 5G

Pubblicato anche in Novità. Etichette: . Commenti chiusi

Carmelo Siciliano

Recensione dell’autore, docente Carmelo Siciliano.

Il libro Sentire la Grecia è un omaggio a una terra e a un popolo che da millenni incantano e travolgono chiunque abbia avuto il privilegio di conoscerli e il dono di capirli. Come una madre infaticabile e dedita ai propri figli, la Grecia ha sempre prodigato all’umanità intera bellezza, cultura, arte o semplicemente uno sguardo amichevole o un abbraccio a chi l’ha cercata. E proprio dal mio primo abbraccio con il mondo ellenico, avvenuto ormai oltre venticinque anni fa, io non sono mai riuscito a divincolarmi e, in effetti, non ne ho mai avuto alcuna intenzione.» Inizia così la pre­fazione al libro che ho pubblicato pochi mesi fa e che è dedicato all’affascinante quanto complesso mondo della musica tradizionale greca.
Il titolo gioca sul doppio significato del verbo “sentire” nella lingua italiana: “ascoltare”, in riferimento alla musica, ma anche “provare una sensazione o una percezione”, “intuire”; sempre dalla pre­fazione: «Amo il popolo greco, amo questa gente che è capace non solo di far capire, ma anche di lasciare intuire; che sa far convivere nello stesso momento la gioia più immensa e il dolore più profondo; che ti accompagna, con la bellezza dei suoi riti, delle sue musiche e delle sue danze, fin negli abissi più neri dell’animo umano, ma sempre tenendoti per mano, pronta a prenderti in braccio al momento giusto. Da qui il titolo del libro, “Sentire la Grecia”: perché non è pos­sibile limitarsi alla lettura dei versi e all’ascolto della musica, ma è neces­sario “sentire”, nel senso più profondo del termine, la voce del popolo greco».
Da anni mi occupo della divulgazione, in Italia, della musica greca attraverso conferenze e seminari sia teorici che pratici. Durante questi incontri, tuttavia, non c’è mai la pos­sibilità di approfondire adeguatamente gli argomenti, e, soprattutto, di dare un quadro davvero completo della comples­sità di questa musica; così ho pensato che l’unico modo fosse quello di scrivere un libro. Ogni luogo della Grecia, infatti, pos­siede non solo strumenti musicali e tradizioni anche strettamente locali, ma soprattutto un particolaris­simo modo di suonare, cantare e danzare; una vera e propria “pronuncia” del proprio repertorio musicale e coreutico. Per questo motivo, quando devo spiegare tanta ricchezza e diversità, uso l’esempio della lingua italiana e dei suoi “accenti locali”: dal modo di parlare, pur utilizzando la stessa lingua, è pos­sibile determinare con un’approssimazione, spesso, anche di pochi chilometri, la provenienza di un parlante. La stessa cosa avviene in Grecia con i musicisti e i danzatori: la “pronuncia” del loro modo di cantare, suonare uno strumento o ballare rimanda spesso in modo inequivocabile a specifiche aree geografiche».
Volevo però rivolgermi non solo a musicisti e specialisti, ma anche a chi non avesse una conoscenza approfondita né della musica né della Grecia; e arrivare al cuore della gente, per trasmettere pas­sione più che nozioni. Così, dopo numerosi rifacimenti, il libro ha preso la forma di una sorta di diario di viaggio, dove le spiegazioni relative a musiche e strumenti e le traduzioni dei versi lasciano talvolta il posto a storie, aneddoti e incontri con persone che hanno segnato particolarmente le mie esperienze in giro per la Grecia. Un po’ diario di viaggio e un po’ autobiografia, un po’ antologia di canzoni e un po’ trattato musicale, «Sentire la Grecia» ha dunque un carattere divulgativo e la sua lettura è adatta a tutti, sia a musicisti che ad appas­sionati filelleni che non hanno troppa dimestichezza coi tecnicismi musicali, che sono pre­sentati di volta in volta in forma chiara e scorrevole.
L’esposizione dei contenuti segue un criterio geografico che suddivide il mondo ellenico in regioni musicali: un vero e proprio viaggio a tappe che inizia dalla Grecia a noi più vicina, le isole del Mar Ionio, e si spinge fino agli estremi confini dell’ellenismo di oggi, ma anche di quello di un pas­sato non troppo lontano, sconfinando nelle aree storiche dell’Epiro, della Tracia e dell’Asia Minore.
Ogni capitolo è dedicato a una o più regioni e descrive, dopo una breve introduzione geografica e storica, gli strumenti e le formazioni musicali che vi si incontrano, illustra le caratteristiche della sua musica e passa in ras­segna le canzoni e le danze più rappresentative, soffermandosi anche su usi e costumi locali che in qualche modo si legano alla tradizione musicale e coreutica della zona.
La pubblicazione è arricchita dalla pos­sibilità di ascoltare i brani proposti e di approfondire gli argomenti trattati attraverso immagini, video e documenti grazie al sito dedicato: www.sentirelagrecia.it.


Carmelo Siciliano è nato a Catania nel 1980. Mediatore culturale, musicista ed insegnante, Carmelo Siciliano, ha dedicato molto tempo alla pas­sione della sua vita: la Grecia e la sua musica. Nel 2013 ha pubblicato: “Dromi. Modi e scale del rebètiko pireòtico”. Nel 2016 ha fondato ed è tuttora pre­sidente della FILELLENIA, un centro per lo studio, la documentazione e l’educazione della musica, della danza e della tradizione greca.
www.carmelosiciliano.it

^^^^^^^^^^

La pre­sentazione del libro “Sentire la Grecia” è programmata a Patrasso per il 9 maggio 2020 alle ore 19.30 presso il Centro Culturale Comunale dell’Agora Arghiri. Sarà pre­sente l’Autore

Pubblicato anche in Collaborazioni, Novità. Etichette: . Commenti chiusi

Laboratorio Grecia

cliccare Laboratorio Grecia
per vedere il documentario completo

A chi, dall’alto (?) del proprio scranno parlamentare, ipotizza una “grecizzazione” dell’economia italiana, attraverso l’adozione di misure che richiamano in maniera sinistra quanto perpetrato nel Paese balcanico durante l’ultimo decennio, vogliamo rivolgere l’invito a prendere visione del seguente documentario, realizzato dal benemerito Collettivo Vox Populi, scritto e diretto da Jacopo Brogi.
Laboratorio Grecia è “un viaggio che attraversa la Storia greca pas­sata e recente: dalla seconda guerra mondiale all’attuale crisi economico finanziaria. Un documentario di Storia e di tante storie: vita quotidiana nell’epicentro del neoliberismo applicato. (…) Cronache del nostro avvenire: in cammino fra le generazioni, per abbandonare l’eterno pre­sente ed inventare un Futuro dalle misure umane.”

Pubblicato anche in Novità. Etichette: . Commenti chiusi

Coronavirus disease

Intervista al prof. Francesco Olivieri

Pubblicato anche in Novità. Etichette: . Commenti chiusi

Ambasciata It: traghetti speciali

Traghetti speciali per fare rientro in Italia (Venerdì 27 marzo)

l’Ambasciata d’Italia ad Atene, in coordinamento con l’Unità di Crisi della Farnesina, ha promosso l’attivazione di due traghetti operati dal Gruppo Grimaldi (Patrasso-Igoumenitsa-Ancona; Igoumenitsa-Brindisi) per facilitare il rientro dei connazionali che ne abbiano urgente necessità.

Tutte le informazioni sono riportate nel seguente

comunicato dell’Ambasciata

Pubblicato anche in Novità. Etichette: . Commenti chiusi

Sito Ambasciata It.

Coronavirus COVID-19: situazione in Grecia

2020-03-17

Al 18 marzo 2020, i casi di infezione da coronavirus in Grecia risultano essere 418, con maggiore concentrazione ad Atene.
79 casi sono ricoverati in ospedale, di cui 13 intubati con grave insufficienza polmonare in strutture ospedaliere ad Atene, Patrasso e Salonicco. Cinque decessi e quattordici guarigioni. Si riportano di seguito le misure di pre­venzione e contenimento intraprese dal Ministero della Salute ellenico dall’inizio dell’epidemia, specificando che sono pre­viste sanzioni per mancata conformità.

TRASPORTI, MOVIMENTI DEI CONNAZIONALI E RACCOMANDAZIONI
CONSULTARE il SITO

Pubblicato anche in Novità. Commenti chiusi